Con Sentenza n. 581 del 24/01/2020, il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso effettuato dal titolare di un impianto di recupero rifiuti nei confronti del provvedimento con il quale la Provincia di Chieti gli richiedeva, ai sensi della D.G.R. 790/2007, la prestazione delle garanzie finanziarie. Per il Giudice amministrativo di secondo grado non sussiste l’esclusione delle attività di recupero rifiuti autorizzate in procedura semplificata dall’obbligo della prestazione di garanzie finanziarie stabilito dalla Regione Abruzzo.

Leggi la Sentenza del Consiglio di Stato n. 581 del 24/01/2020