Con Sentenza n. 49900 del 10/12/2019, la Corte di Cassazione conferma la condanna dell’imputato lombardo per il decesso del lavoratore che, sceso nello scavo per un miglior posizionamento di una pompa ad immersione, è stato sepolto dal terreno franatogli sopra.

I Giudici chiariscono che il direttore dei lavori è responsabile del controllo della idoneità delle imprese addette ai lavori nel cantiere e del loro mancato rispetto nella designazione di un coordinatore per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori ai sensi degli artt. 91 e 92 del D.Lgs. 81/2008. Il direttore dei lavori, inoltre, ha il compito di vigilare sui lavori e di mettere in atto, nel corso del loro svolgimento, le cautele necessarie che, nel caso in specie, consistevano nel puntellare adeguatamente le pareti dello scavo in cui ha avuto luogo l’infortunio con armature di sostegno, come previsto dall’art. 120 del menzionato D.Lgs..

Leggi la Sentenza della Corte di Cassazione n. 49900 del 10/12/2019